Rosolaccio

Ho raccolto nel mese di giugno i petali di papavero selvatico o rosolaccio e li ho messi a seccare, sono diventati di un rosso scuro, anche se ne ho raccolti tanti, in essiccamento si sono più che dimezzati, quindi la raccolta deve essere abbondante.

Caratteristiche generali papavero selvatico

II Papavero selvatico, pianta erbacea annuale spontanea il cui nome sceintifico è Papaver rhoeas appartiene alla famiglia delle Papaveraceae ed è una specie cosmopolita che ritroviamo un po’ ovunque in Asia, in Africa ed in Europa, nelle zone a clima temperato.

I fiori sono grandi, solitari, portati da lunghi peduncoli e si formano o all’apice del fusto o all’ascella delle foglie. Sono formati da due sepali che cadono quando si aprono i 4 petali di colore rosso sangue che alla base di solito hanno una macchia nera. Sono ermafroditi, sprovvisti di nettare (caratteristica di tutte le Papaveraceae) di conseguenza l’impollinazione avviene tramite gli insetti che sono attirati dai colori vivaci dei fiori e non dal nettare.

I frutti sono delle capsule ovoidali che contengono i semi che si diffondono in seguito a forti scosse di vento perchè i pori si trovano nella parte alta della capsula che una volta matura non si piega.

Per ulteriori informazioni potete iscrivervi al seguente FORUM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *